Aggiornamento documentazione

Si comunica che - nella sezione "Documenti" - sono stati caricati i seguenti files:

  • Rilievo reti infrastrutturali esistenti (file DWG compresso in f.to ZIP)
  • Perimetro d'intervento (file DWG compresso in f.to ZIP)

Aggiornamento documenti

Si comunica che, nella sezione "Documenti" sono stati caricati i seguenti file:

  • Documentazione amministrativa: Layout tavole (cartella compressa in f.to ZIP)
  • Documentazione amministrativa: Facsimile relazione 1° grado
  • Documentazione amministrativa: Facsimile relazione 2° grado
  • Altra documentazione: Verbale seduta generazione chiavi

Chiave pubblica di crittazione

Si comunica che, nella sezione "Documenti", è stata caricata la chiave pubblica di crittazione per la documentazione amministrativa

Aggiornamento Bando

Si comunica che, a causa di un errore di battitura nei link relativi alle pagine di concorso, il bando è stato aggiornato in data odierna.

Seduta pubblica di generazione delle chiavi

Si comunica che la seduta pubblica di generazione delle chiavi si terrà in modalità online il 4 maggio alle ore 12.00. I partecipnati potranno collegarsi a questo link:

https://comuneterni.webex.com/comuneterni/j.php?MTID=md9a7059c445e35c078f8e86583d09cc5

Nuovo teatro comunale Giuseppe Verdi

Il teatro comunale “Giuseppe Verdi” venne edificato tra il 1840 e il 1848 sotto il governo dello Stato Pontificio su iniziativa della costituita società dei palchettisti, su progetto dell’allora conosciuto e famoso arch. Luigi Poletti, progettista anche dei contemporanei teatri di Rimini (1843 – 1857) e Fano (1845 – 1863). Il Verdi fu inaugurato il 12 agosto del 1849 e poteva offrire una capienza di circa 650 posti adeguata per la città dell’epoca, l’impianto era quello classico all’italiana con quattro ordini di palchetti e loggione.

Il Comune di Terni, nella necessità di restituire alla città il proprio teatro comunale ”G. Verdi” dopo la sua dismissione avvenuta nel 2010 e nell’ottica di salvaguardare le originarie valenze storiche stratificate nel tempo - anche a seguito degli eventi bellici che hanno pesantemente interessato la città di Terni - ha promosso un approfondimento delle valutazioni tecniche confrontandosi con la Soprintendenza regionale.

Da ciò si è pervenuto alla formulazione di una proposta metaprogettuale in linea con il vincolo citato, con condizioni di sostenibilità ed attuabile attraverso un preciso iter amministrativo che viene posto a base del concorso