Chiave pubblica di crittazione

Si comunica che la chiave pubblica di crittazione è a disposizione nella sezione Documenti

Sopralluoghi

Si ricorda che i sopralluoghi - indicati al p.to 2.1 del Disciplinare di Concorso - si svolgeranno nelle seguenti date:

- venerdì 11 febbraio 2022;

- mercoledì 16 febbraio 2022;

- venerdì 18 febbraio 2022.

Si comunica che le visite, della durata di circa 1 ora ciascuna, saranno così cadenzate in ognuno dei giorni sopra indicati;

- 1a VISITA: inizio alle ore 10:00, con ritrovo all'ingresso del Teatro;

- 2a VISITA: inizio alle ore 14:00, con ritrovo all'ingresso del Teatro.

Si ricordano infine le condizioni di partecipazione (NON OBBLIGATORIA):

- non è richiesta nessuna prenotazione o comunicazione/trasmissione delle proprie generalità;

- è richiesto il possesso di: Green-pass; mascherina FFP2; scarpe antinfortunistiche; caschetto;

- il personale presente svolgerà la sola funzione di ricevimento e accompagnamento nella visita dei locali accessibili, senza acquisire le generalità dei partecipanti, senza rilasciare documentazione e/o indicazione e/o risposta ad eventuali quesiti, senza redigere alcun verbale. 

Seduta di generazione delle chiavi

Si comunica che la seduta di generazione delle chiavi informatiche si terrà, in modalità telematica, venerdì 11 febbraio alle ore 10.00.
Link per la diretta streaming: https://global.gotomeeting.com/join/698886197

Intervento di rifunzionalizzazione del Teatro comunale di Alessandria a nuovo "Hub" della cultura e del turismo del territorio

Il presente Concorso di progettazione si pone come obiettivo generale la rifunzionalizzazione del teatro Comunale di Alessandria ad Hub della Cultura e del Turismo del territorio.

La realizzazione di un hub della cultura e del turismo attraverso la riqualificazione e rifunzionalizzazione del Teatro Comunale si fonda sui seguenti obiettivi specifici:

  • dare alla struttura anche funzioni diverse da quella specifica di polo teatrale;
  • fruire della struttura in modo omogeneo, utilizzando tutti gli spazi presenti, attribuendo loro un valore culturale, di svago e di lavoro;
  • ampliare quanto più possibile l’utilizzo temporale della struttura

A tal fine, si può pertanto ipotizzare che questa struttura, oltre alla rinnovata destinazione teatrale (da sviluppare ed articolare meglio, utilizzando tutte le potenzialità di
trasformazione degli spazi che l’attuale struttura consentirebbe), possa avere anche:

  • una destinazione didattica (un luogo ove sviluppare e promuovere percorsi formativi, sia di livello universitario sul tema della comunicazione e dell’arte in tutte le sue sfaccettature, nonché per istituti secondari di 1° grado con particolare riferimento alla didattica in ambito musicale)
  • una destinazione a laboratorio delle arti e della musica (ad esempio realizzando spazi dove i musicisti od i gruppi musicali locali possano provare e svolgere le loro attività);
  • una rinnovata destinazione cinematografica (ad esempio attraverso la riproposizione di un circolo del cinema);
  • "infine, ad una più efficace e raffinata proposta di ristorazione, sia attraverso il rilancio dell’antico bar – caffetteria, sia con la realizzazione di spazi integrati alla fruizione delle rappresentazioni musicali e teatrali

Il nuovo Teatro comunale dovrà al tempo stesso aprirsi allo spazio circostante, coinvolgere la città anche attraverso attività all’aperto, divenire punto di riferimento dell’intera area, fino alla stazione ferroviaria.