È possibile inviare quesiti e richieste di chiarimenti alla segreteria organizzativa: i quesiti, se ritenuti di interesse comune, saranno pubblicati in questa pagina del sito. Il modulo quesiti sarà disponibile fino alle 24:00 del 08/10/2020

Risposte pubblicate

Salve, volevo chiedere, se potevate caricare nei documenti il rilievo dello stato di fatto delle due scuole in formato .dwg,

Sono stati caricati i seguenti nuovi file:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Si rammenta che l'attuale edificio ospitante la scuola secondaria di 1° grado "M. Martello", oggetto della presente procedura concorsuale, dovrà essere demolita e ricostruita.

potreste inserire una planimetria dello stato attuale in scala 1.1000 in formato dwg

I file caricati editabili presenti nella sezione documenti della piattaforma sono in scala 1:1.

Un soggetto architetto, regolarmente iscritto all'albo professionale, che svolge funzione di "direttore tecnico" di società S.r.l. professionale, può partecipare al concorso nell'ambito di R.T.I. da costituirsi, anche nella sua ulteriore e diversa funzione di legale rappresentante di altra società di professionisti con altra denominazione costituita con altri soggetti professionali?

La costituzione di un RTP è una scelta dei partecipanti al Concorso, gli stessi devono prestare attenzione alle indicazioni previste in particolare al punto 3.2) e al punto 3.6) del disciplinare in cui è previsto il divieto assoluto ai Concorrenti di partecipare alla procedura in più̀ di un Raggruppamento temporaneo/Consorzio ordinario/GEIE/ in forma individuale Il medesimo divieto sussiste per i liberi professionisti, qualora partecipi al Concorso, sotto qualsiasi forma, una società di professionisti o una società d’ingegneria della quale il professionista è amministratore, socio, dipendente, consulente o collaboratore a progetto, ai sensi di quanto previsto dagli artt. 2 e 3 del D.M. 2/12/2016, n. 263.

La violazione di tali divieti comporta l’ESCLUSIONE dal Concorso di tutti i Concorrenti coinvolti (si veda art. 48 c. 7 del d.lgs. n. 50/2016)

Si chiede gentilmente se i requisiti di capacità tecnica e professionale (p.to 3.3.2 del Bando) relativi all’avvenuto espletamento negli ultimi 10 anni di servizi relativi ai lavori appartenenti alle “ID Opere” possano essere dimostrati anche con servizi espletati aventi lo stesso grado di complessità ma differente codice di categoria.

Si precisa che:

  1. gli importi si intendono al netto di oneri fiscali e previdenziali;
  2. trattandosi di affidamento di progettazione e direzione lavori, ai fini della dimostrazione della specifica esperienza pregressa, anche per i servizi c.d. “di punta”, in relazione ad ognuna delle classi e categorie dei lavori cui si riferiscono i servizi da affidare, detti requisiti sono dimostrati con l’espletamento pregresso di incarichi di progettazione e direzione lavori, oppure di sola direzione oppure di sola progettazione;
  3. FARE MOLTA ATTENZIONE: nel caso di incertezze nella comparazione di classi e categorie di cui al del D.M. 17 giugno 2016, rispetto alle classificazioni precedenti, prevale il contenuto oggettivo della prestazione professionale, in relazione all’identificazione delle opere;
  4. FARE MOLTA ATTENZIONE: i servizi valutabili sono quelli ultimati nel decennio antecedente la data di pubblicazione del bando di gara, ovvero la parte di essi terminata nello stesso periodo. La D.L. s’intende terminata con l’emissione del certificato di collaudo, i progetti s'intendono terminati alla data di approvazione. Sono valutabili anche i servizi svolti per committenti privati documentati attraverso certificati di buona e regolare esecuzione rilasciati dai committenti privati o dichiarati dall'operatore economico che fornisce, su richiesta della stazione appaltante, prova dell'avvenuta esecuzione attraverso gli atti autorizzativi o concessori, ovvero il certificato di collaudo, inerenti il lavoro per il quale è stata svolta la prestazione, ovvero tramite copia del contratto e delle fatture relative alla prestazione medesima;
  5. FARE MOLTA ATTENZIONE: nel caso in cui il servizio di riferimento sia stato espletato nell’ambito di un raggruppamento, l’operatore economico concorrente potrà dichiarare soltanto la parte di servizio svolta nell’ambito del raggruppamento stesso quale soggetto direttamente impiegato nello svolgimento di funzioni professionali e tecniche e che abbia sottoscritto gli elaborati correlati alle attività svolte;
  6. ai fini della partecipazione alla presente procedura, il libero professionista può spendere i requisiti di capacità tecnica e professionale (rectius: servizi analoghi e servizi di punta) conseguiti dalla società di ingegneria di cui faceva parte come socio professionista, a condizione che il medesimo professionista fosse inserito nell’organigramma della società quale soggetto direttamente impiegato nello svolgimento di funzioni professionali e tecniche e che abbia sottoscritto gli elaborati correlati alle attività svolte (cfr. Delibera ANAC n. 416 del 15/05/2019).
  7. È ammissibile la dimostrazione dei requisiti di capacita economico-finanziaria di cui alle Linee guida n.1, Parte IV, punto 2.2.2.1, lettera a), facendo riferimento al fatturato correlato ai servizi professionali svolti dal libero-professionista nell’esercizio di una professione regolamentata per la quale è richiesta una determinata qualifica professionale, come indicato dall’art.3 della direttiva 2005/36/CE, quale componente di un’associazione professionale - (cfr. Delibera ANAC n. 290 del 01/04/2020).
  8. deve ritenersi opportuno, “al fine di garantire il rispetto del principio della non duplicazione dei requisiti” , che gli interessati procedano all’adozione di un atto “sottoscritto da tutti i professionisti dello studio associato”, contenente la ripartizione e l’attribuzione del fatturato ai singoli componenti dello studio associato, in caso di scioglimento dell’associazione professionale e – nel caso in cui l’associazione continui ad operare – all’attribuzione del fatturato allo studio associato e ai professionisti uscenti; (cfr. Delibera ANAC n. 290 del 01/04/2020).
  9. di ritenere ammissibile, ai fini della partecipazione alle procedure di affidamento di un libero professionista, la dimostrazione dei requisiti di capacità tecniche e professionali di cui alle Linee guida n. 1, Parte IV, punto 2.2.2.1, lettere b) e c), mediante le attività dallo stesso svolte, nell’esercizio di una professione regolamentata per le quali è richiesta una determinata qualifica professionale, come indicato dall’art. 3 della direttiva 2005/36/CE, quale componente di un’associazione professionale, a condizione che il professionista medesimo abbia sottoscritto gli elaborati correlati alle attività svolte. (cfr. Delibera ANAC n. 290 del 01/04/2020).

Inoltre:

FARE MOLTA ATTENZIONE:Per le categorie Edilizia ID E.03  -  Strutture ID S.03  ai fini della qualificazione nell’ambito della stessa categoria, le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando il grado di complessità sia almeno pari a quello dei servizi da affidare.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Per la categoria Impianti ID IA.01 ai fini della qualificazione, le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando relative alla categoria Impianti ID IA.02 e viceversa

FARE MOLTA ATTENZIONE: Per la categoria Impianti ID IA.03 ai fini della qualificazione, le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando relative alla categoria Impianti ID IA.04 e viceversa.

Si chiede conferma che il gruppo di minimo tre professionisti richiesto al punto 1.7 del disciplinare debba essere costituito solo in caso di partecipazione al 2° grado del Concorso

Si conferma quanto indicato al punto 1.7) del Disciplinare: “...i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo minimo di 3 (tre) professionisti, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione” ;

Poiché al fine di soddisfare i requisiti richiesti al punto 1.7 e 3.2.1 del bando è necessario per la scrivente costituire un raggruppamento temporaneo costituendo, si chiede di chiarire se il raggruppamento debba essere già definito nella prima fase. In tal caso presenteranno dgue , e tutta la documentazione amministrativa tutti i soggetti facenti parte dell' RTI costituendo già dal 1° grado del concorso.

Come indicato al punto 1.7) del Disciplinare: “...i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo minimo di 3 (tre) professionisti, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione” ;

La Documentazione Amministrativa da caricare nel sito del concorso è prevista al Punto 4.2) per il 1° grado e al punto 5.2) per il 2° grado

Tutte le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, ivi compreso il DGUE, la domanda di partecipazione, dovranno essere sottoscritte dal rappresentante legale del concorrente o suo procuratore. Il DGUE deve essere prodotto in formato pdf e sottoscritto con firma digitale (non deve essere prodotto alcun archivio digitale firmato digitalmente) da ogni partecipante alla procedura.

Tutte le dichiarazioni amministrative da inserire nella piattaforma dovranno essere redatte sui modelli predisposti e messi a disposizione dalla stazione.

Il dichiarante sarà tenuto ad allegare scansione di un documento di riconoscimento, in corso di validità (per ciascun dichiarante sarà sufficiente una sola copia del documento di riconoscimento anche in presenza di più dichiarazioni su più fogli o modelli distinti).

Tutta la documentazione da produrre dovrà essere in lingua italiana o, se redatta in lingua straniera, dovrà essere corredata da traduzione giurata in lingua italiana. In caso di difformità tra il testo in lingua straniera e testo in lingua italiana prevarrà la versione in lingua italiana; sarà onere del concorrente assicurare la fedeltà della traduzione.

FARE MOLTA ATTENZIONE Ciascun soggetto che compila il DGUE allega una dichiarazione integrativa in ordine al possesso dei requisiti di all’art. 80, comma 5 lett. f-bis e f-ter del Codice

Nell'ipotesi di un costituendo RTP nel 2° grado la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del Codice.

La mandataria di un raggruppamento temporaneo di tipo verticale, ai sensi dell’art. 48, comma 2 del Codice, esegue le prestazioni indicate come principali, anche in termini economici, le mandanti quelle indicate come secondarie.

FARE MOLTA ATTENZIONE: I requisiti cui al punto 3,2,1)del disciplinare (d.m. 263/2016) devono essere posseduti da ciascun operatore economico associato, in base alla propria tipologia (iscrizione all’Albo è posseduto dai professionisti che nel gruppo di lavoro sono incaricati dell’esecuzione delle prestazioni oggetto dell’appalto).

Per i raggruppamenti temporanei, è condizione di partecipazione la presenza, di almeno un giovane professionista ai sensi dell’art. 4 del d.m. 263/2016.

FARE MOLTA ATTENZIONE: relativamente ALL’ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE TENUTO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, artigianato e agricoltura deve essere posseduto da:

a.     ciascuna delle società raggruppate/raggruppande, consorziate/consorziande o GEIE;

b.     ciascuno degli operatori economici aderenti al contratto di rete indicati come esecutori e dalla rete medesima nel caso in cui questa abbia soggettività giuridica.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3) del disciplinare relativo alla COPERTURA ASSICURATIVA contro i rischi professionali deve essere soddisfatto dal raggruppamento nel complesso, secondo una delle opzioni di seguito indicate:

a)     somma dei massimali delle polizze dei singoli operatori del raggruppamento; in ogni caso, ciascun componente il raggruppamento deve possedere un massimale in misura proporzionalmente corrispondente all’importo dei servizi che esegue;

b)     unica polizza della mandataria per il massimale indicato, con copertura estesa a tutti gli operatori del raggruppamento.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto3.3.2) del disciplinare relativi ai SERVIZI DI INGEGNERIA E DI ARCHITETTURA espletati negli ultimi dieci anni:

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito dell’elenco dei servizi deve essere soddisfatto dal raggruppamento temporaneo nel complesso (mandanti e mandataria). Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria.

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dell’elenco dei servizi in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3.2) del disciplinare relativo a due SERVIZI DI PUNTA deve essere posseduto:

a)            Nell’ipotesi di  raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito deve essere posseduto nel complesso.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto del raggruppamento in quanto non frazionabile;

b) Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dei due servizi di punta, in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

N.B.2: In caso di raggruppamenti temporanei, non è necessario che vi sia corrispondenza fra i requisiti dichiarati, i servizi che verranno eseguiti e le quote di partecipazione. E’ sempre consentita la possibilità di costituire raggruppamenti temporanei, anche di tipo sovrabbondante.

N.B.3: Come chiarito dal Consiglio dell’ANAC nella seduta del 14/11/2018, il possesso dei requisiti in misura maggioritaria da parte della mandataria deve essere inteso come tale in relazione ai requisiti richiesti dalla lex specialis di gara, a prescindere dagli importi totali posseduti. L’operatore economico, in possesso dei requisiti per essere mandatario del RTP, che voglia partecipare al raggruppamento invece quale mandante, potrà̀ spendere soltanto una parte dei requisiti posseduti, inferiori a quelli spesi dal concorrente che intende svolgere il ruolo di mandataria, in tal modo salvaguardando il principio del possesso dei requisiti in misura maggioritaria in capo a quest’ultima.

N.B.4:I raggruppamenti temporanei previsti dall’articolo 46, comma 1, lett. e), del Codice, ai sensi dell’articolo articolo 48, comma 4, del medesimo Codice, devono specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli soggetti riuniti o consorziati. Tale obbligo si ritiene assolto con l’indicazione, in termini descrittivi, sia delle singole parti del servizio da cui sia evincibile il riparto di esecuzione tra loro, sia di indicazione, in termini percentuali, della quota di riparto delle prestazioni che saranno eseguite dai singoli raggruppati. L’obbligo di indicare le parti del servizio da eseguire spetta indistintamente ai raggruppamenti orizzontali e verticali.

c)            nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo misto il requisito deve essere posseduto nel complesso della sub-associazione orizzontale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto della sub-associazione in quanto non frazionabile

si chiede se sia possibile partecipare al 1° grado in forma di concorrente singolo e successivamente, qualora si fosse selezionati per il 2° grado del concorso, costituire un RTI costituendo con altri soggetti al fine di soddisfare tutti i requisiti del bando richiesti al punto 1.7 e 3.2.1

Come indicato al punto 1.7) del Disciplinare: “...i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo minimo di 3 (tre) professionisti, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione” ;

La Documentazione Amministrativa da caricare nel sito del concorso è prevista al Punto 4.2) per il 1° grado e al punto 5.2) per il 2° grado

Tutte le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, ivi compreso il DGUE, la domanda di partecipazione, dovranno essere sottoscritte dal rappresentante legale del concorrente o suo procuratore. Il DGUE deve essere prodotto in formato pdf e sottoscritto con firma digitale (non deve essere prodotto alcun archivio digitale firmato digitalmente) da ogni partecipante alla procedura.

Tutte le dichiarazioni amministrative da inserire nella piattaforma dovranno essere redatte sui modelli predisposti e messi a disposizione dalla stazione.

Il dichiarante sarà tenuto ad allegare scansione di un documento di riconoscimento, in corso di validità (per ciascun dichiarante sarà sufficiente una sola copia del documento di riconoscimento anche in presenza di più dichiarazioni su più fogli o modelli distinti).

Tutta la documentazione da produrre dovrà essere in lingua italiana o, se redatta in lingua straniera, dovrà essere corredata da traduzione giurata in lingua italiana. In caso di difformità tra il testo in lingua straniera e testo in lingua italiana prevarrà la versione in lingua italiana; sarà onere del concorrente assicurare la fedeltà della traduzione.

FARE MOLTA ATTENZIONE Ciascun soggetto che compila il DGUE allega una dichiarazione integrativa in ordine al possesso dei requisiti di all’art. 80, comma 5 lett. f-bis e f-ter del Codice

Nell'ipotesi di un costituendo RTP nel 2° grado la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del Codice.

La mandataria di un raggruppamento temporaneo di tipo verticale, ai sensi dell’art. 48, comma 2 del Codice, esegue le prestazioni indicate come principali, anche in termini economici, le mandanti quelle indicate come secondarie.

FARE MOLTA ATTENZIONE: I requisiti cui al punto 3,2,1)del disciplinare (d.m. 263/2016) devono essere posseduti da ciascun operatore economico associato, in base alla propria tipologia (iscrizione all’Albo è posseduto dai professionisti che nel gruppo di lavoro sono incaricati dell’esecuzione delle prestazioni oggetto dell’appalto).

Per i raggruppamenti temporanei, è condizione di partecipazione la presenza, di almeno un giovane professionista ai sensi dell’art. 4 del d.m. 263/2016.

FARE MOLTA ATTENZIONE: relativamente ALL’ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE TENUTO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, artigianato e agricoltura deve essere posseduto da:

a.     ciascuna delle società raggruppate/raggruppande, consorziate/consorziande o GEIE;

b.     ciascuno degli operatori economici aderenti al contratto di rete indicati come esecutori e dalla rete medesima nel caso in cui questa abbia soggettività giuridica.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3) del disciplinare relativo alla COPERTURA ASSICURATIVA contro i rischi professionali deve essere soddisfatto dal raggruppamento nel complesso, secondo una delle opzioni di seguito indicate:

a)     somma dei massimali delle polizze dei singoli operatori del raggruppamento; in ogni caso, ciascun componente il raggruppamento deve possedere un massimale in misura proporzionalmente corrispondente all’importo dei servizi che esegue;

b)     unica polizza della mandataria per il massimale indicato, con copertura estesa a tutti gli operatori del raggruppamento.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto3.3.2) del disciplinare relativi ai SERVIZI DI INGEGNERIA E DI ARCHITETTURA espletati negli ultimi dieci anni:

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito dell’elenco dei servizi deve essere soddisfatto dal raggruppamento temporaneo nel complesso (mandanti e mandataria). Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria.

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dell’elenco dei servizi in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: Il requisito di cui al punto 3.3.2) del disciplinare relativo a due SERVIZI DI PUNTA deve essere posseduto:

a)            Nell’ipotesi di  raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito deve essere posseduto nel complesso.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto del raggruppamento in quanto non frazionabile;

b) Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale ciascun componente deve possedere il requisito dei due servizi di punta, in relazione alle prestazioni che intende eseguire, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito relativo alla prestazione principale.

N.B.2: In caso di raggruppamenti temporanei, non è necessario che vi sia corrispondenza fra i requisiti dichiarati, i servizi che verranno eseguiti e le quote di partecipazione. E’ sempre consentita la possibilità di costituire raggruppamenti temporanei, anche di tipo sovrabbondante.

N.B.3: Come chiarito dal Consiglio dell’ANAC nella seduta del 14/11/2018, il possesso dei requisiti in misura maggioritaria da parte della mandataria deve essere inteso come tale in relazione ai requisiti richiesti dalla lex specialis di gara, a prescindere dagli importi totali posseduti. L’operatore economico, in possesso dei requisiti per essere mandatario del RTP, che voglia partecipare al raggruppamento invece quale mandante, potrà̀ spendere soltanto una parte dei requisiti posseduti, inferiori a quelli spesi dal concorrente che intende svolgere il ruolo di mandataria, in tal modo salvaguardando il principio del possesso dei requisiti in misura maggioritaria in capo a quest’ultima.

N.B.4:I raggruppamenti temporanei previsti dall’articolo 46, comma 1, lett. e), del Codice, ai sensi dell’articolo articolo 48, comma 4, del medesimo Codice, devono specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli soggetti riuniti o consorziati. Tale obbligo si ritiene assolto con l’indicazione, in termini descrittivi, sia delle singole parti del servizio da cui sia evincibile il riparto di esecuzione tra loro, sia di indicazione, in termini percentuali, della quota di riparto delle prestazioni che saranno eseguite dai singoli raggruppati. L’obbligo di indicare le parti del servizio da eseguire spetta indistintamente ai raggruppamenti orizzontali e verticali.

c)            nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo misto il requisito deve essere posseduto nel complesso della sub-associazione orizzontale.

FARE MOLTA ATTENZIONE: il requisito dei due servizi di punta relativi alla singola categoria e ID deve essere posseduto da un solo soggetto della sub-associazione in quanto non frazionabile

Qual è il perimetro dell'intervento? Il file relativo alla planimetria plano-altimetrica è, a dir poco, imbarazzante.

Il perimetro dell'intervento è individuato dalle particelle di cui alle visure catastali e all'estratto mappale, allegati alla documentazione tecnica.

L'elaborato che si definisce "imbarazzante" risulta essere un piano quotato di alcuni punti ritenuti significativi al fine di un corretto dimensionamento plano-altimetrico.

Si rammenta che il rilievo plano-altimetrico è un elaborato progettuale essenziale appartenente al livello progettuale definitivo, che dovrà essere compiutamente redatto dall'affidatario e che verrà corrisposto come desumibile dalla lettura del calcolo del compenso professionale.

Nella tabella del programma funzionale manca il punto 4.2. Possiamo modificare la tabella o bisogna lasciarla come è? Grazie

è stato pubblicato in revisione 01 il relativo Modulo di verifica del programma funzionale specifico.

Nel programma mancano locali accessori quali locali pulizie, cabina di trasformazione, ecc. Le superfici non indicate possono essere aggiunte alla tabella del programma funzionale o sono da considerarsi incluse in qualche altra voce?

La scuola deve essere realizzata nel rispetto di tutte le normative vigenti in materia. Le scelte progettuali sono a discrezione dei concorrenti, fatti salvi le esigenze e gli obiettividell'Amministrazione contenute nel Documento di Indirizzo alla Progettazione e le vigenti normative di settore.

L'importo lavori previsto (2.695.412,92€) include i costi di demolizione del fabbricato esistente? E i lavori per le sistemazioni esterne? E i lavori per la sistemazione della viabilità esterna al comparto? E gli arredi? Grazie

L'importo dei lavori pari a 2.695.412,92 € include i costi di demolizione del fabbricato, le sistemazioni esterne e della viabilità a servizio della struttura, mentre gli arredi sono esclusi, in quanto contemplati alla voce di stima di massima dei costi B.16.

Buongiorno, a pag. 10 del D.I.P. si parla di "eventuale ampliamento della scuola" (punto 4.1). Prego specificare meglio questo passaggio. Dobbiamo prevedere un impianto che possa essere ampliato in futuro?

L'eventuale ampliamento dell'edificio si riferisce all'attuale progettazione, ovvero è possibile prevedere, a discezione del partecipante, un ampliamento della struttura esistente.

E' possibile prevedere lo spostamento della strada che taglia in due il lotto, garantendo la servitù per le abitazioni circostanti? E' possibile prevedere lo spostamento del campo da calcetto esistente? Grazie

All'interno del lotto di intervento è lasciata discrezionalità ai concorrenti riguardo la viabilità, tenedo conto della funzionalità dell'impostazione del progetto. Si sottolinea che la strada interna all'area d'interesse non è a servizio delle abitazioni poste sul lato orientale del lotto, le quali hanno tutte accessi indipendenti.

Il lasso di tempo tra la pubblicazione delle risposte e la consegna è veramente esiguo, soprattutto per i tanti dubbi aperti che il bando e il materiale da voi fornito lasciano. E' possibile anticipare la pubblicazione delle risposte ai quesiti o, al limite, prorogare la consegna della prima fase? Grazie

Il riscontro ai quesiti posti verrà di volta in volta pubblicato sulla piattaforma concorsi.awn, rimanendo confermata la pubblicazione del verbale delle richieste di chiarimento e delle relative risposte come da cronoprogramma previsto nel disciplinare, evidenziando che il verbale succitato, sia relativo al 1° che al 2° grado, costituisce base giuridica specifica per lo svolgimento del concorso in oggetto come indicato al p.to 3.1 del disciplinare di concorso medesimo.

E' possibile ricevere le piante, i prospetti e le sezioni della scuola elementare esistente, con individuazione delle varie funzioni (soprattutto della mensa)?

Sono stati caricati i seguenti nuovi file:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Buongiorno, il sedime della scuola è da rispettare così come proposto nelle illustrazioni contenute nel DIP? Così anche come gli schemi di sezione? Grazie

Il Documento di Indirizzo alla Progettazione riporta gli obbiettivi e le esigenze che l'Amministrazione impartisce per l'esecuzione e la funzionalità dell'opera in oggetto, non vincolando in alcun modo le scelte progettuali per il raggiungimento delle specifiche necessità succitate.

Pertanto è demandata ai concorrenti la formulazione di una proposta progettuale che possa maggiormente soddisfare tali obbiettivi ed esigenze.

Salve, è possibile avere una carta riportante l'altimetria dell'area? Oppure è possibile scaricarla da qualche parte? Grazie

Nella sezione Documenti>>Documentazione tecnica sono presenti i seguenti elaborati che dovrebbero già soddisfare tale richiesta, ovvero:

1. inquadramento terriotriale estratto dalla Carta Tecnica Regionale con rispettive curve di livello;

2. un rilievo plano-altimetrico del lotto con individuazione dei punti quotati ritenuti maggiormente rappresentativi dell'area di intervento, n. 50.

Si rammenta che il rilievo plano-altimetrico di maggior dettaglio è richiesto quale singola prestazione nel livello progettuale definitivo, come desumibile dal calcolo del compenso professionale ai sensi del D.M. 17 giugno 2016.

Buonasera. Nel Documento di indirizzo alla progettazione si dice che l'attuale scuola ha 9 classi ma che per quella nuova ne sono previste 6. Si invita però a prendere in considerazione l'idea di mantenere le 9 aule per avere l'aula plus (indire). Nel programma funzionale tuttavia vengono riportate le quantità minime per 150 studenti, ovvero 6 classi. Se si volesse accogliere dunque il vostro invito a fare 9 classi, le 3 in più potrebbero essere più piccole di 45 mq? Volevo inoltre chiedere se le geometrie proposto dai grafici del Documento di indirizzo alla progettazione siano vincolanti, sia per quanto riguarda la scuola che la palestra. Grazie

Come indicato al p.to 4.2 "Cluster didattico" che si riporta testualmente "Il progetto prevede l’inserimento di 6 aule (dimensionamento minimo da D.M. 18/12/1975). La Scuola Martello ospita attualmente 3 sezioni; potrebbe quindi diventare strategico la previsione di utilizzo alternativo delle ulteriori 3 aule, immaginando una loro estensione o condivisione degli stessi spazi tra le diverse classi."  rimanendo fisso l'importo lavori presente nella stima di massima, ovvero pari a € 2.695.412,95 e delle superfici minime previste da D.M. 18/12/1975.

Gli schemi proposti nel D.I.P. sono puramente indicativi e non vincolanti, lasciando piena discrezionalità ai concorrenti nella proposta progettuale.

Nel documento di indirizzo alla progettazione (pagina 15 , all'interno del paragrafo della "Palestra") è così scritto "e' da prevedere una connessione esterna con il cortile che funga anche da punto di accesso indipendente per l'utilizzo extra-scolastico". Per "cortile" si intende quello antistante la scuola oppure quello nei pressi della futura palestra?

La palestra deve avere un collegamento con la scuola primaria oltre che avere un accesso indipendente per l'utilizzo extrascolastico, pertanto il cortile, o meglio gli spazi verdi comuni, devono essere previsti nella loro più ampia fruibilità, sia dall'interno che dall'esterno.

Nel documento di indirizzo alla progettazione viene indicata una palestra di tipo A1(altezza 5.40 m), mentre nel progetto di fattibilità viene richiesta una palestra regolamentare da pallavolo. La palestra regolamentare da pallavolo è di tipo A2 (altezza 7.50m). Quale tipologia di palestra è dunque richiesta?

Nel documento di indirizzo alla progettazione viene indicata una palestra di tipo A1, nel rispetto di qunto indicato nel D.M. 18/12/1975.

Il progetto di fattibilità pubblicato nella sezione relativa alla documentazione tecnica, è una proposta progettuale superata, in quanto ritenuta meno valida rispetto alla previsione di una riqualificazione dell'edificio mediante demolizione e ricostruzione sia sotto il profilo economico, analisi costi-benefici, sia sotto il profilo tecnico, relativo all'adeguamento sismico e funzionale con efficientamento energetico, attraverso la realizzazione di un immobile di tipologia NZEB, ed eventualmente con un contributo di produzione di energia da fonti rinnovabili eccedente rispetto al fabbisogno, al fine di mettere a disposzione la quota parte energetico in eccesso a servizio di altre utenze comunali o permettere la creazione di una comunità energetica ai sensi delle ultime disposizioni normative in materia.

Quale è la quota del piano terra della scuola elementare rispetto al cortile esterno? E quella del piano primo?

E' possibile desumere tali dati dai file che sono stati caricati successivamente alla pubblicazione, ovvero:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Si rammenta che l'attuale edificio ospitante la scuola secondaria di 1° grado "M. Martello", oggetto della presente procedura concorsuale, dovrà essere demolita e ricostruita.

Buonasera. E' possibile avere delle basi dwg o anche raster più definite con riportate le curve altimetriche o perlomeno le quote fondamentali (ad esempio quota 0.00 della scuola primaria, quota copertura scuola primaria, etc)?

E' possibile desumere tali dati dai file che sono stati caricati successivamente alla pubblicazione, ovvero:

1. stato di fatto scuola primaria "G. Ginobili" - Planimetrie e prospetti

2. stato di fatto scuola secondaria "M. Martello" - Planimetrie e prospetti.

Si rammenta che l'attuale edificio ospitante la scuola secondaria di 1° grado "M. Martello", oggetto della presente procedura concorsuale, dovrà essere demolita e ricostruita.

Buon giorno, le risposte alle domande pervenute andrebbero inserite prima della scadenza prevista dell'otto ottobre in quanto rimarrebbero solamente 9 giorni per sviluppare ovvero modificare il progetto, cordiali saluti.

Il riscontro ai quesiti posti verrà di volta in volta pubblicato sulla piattaforma concorsi.awn, rimanendo confermata la pubblicazione del verbale delle richieste di chiarimento e delle relative risposte come da cronoprogramma previsto nel disciplinare, evidenziando che il verbale succitato, sia relativo al 1° che al 2° grado, costituisce base giuridica specifica per lo svolgimento del concorso in oggetto come indicato al p.to 3.1 del disciplinare di concorso.

Buongiorno. Si chiede se sia possibile ripensare il collocamento della palestra, nel rispetto del programma funzionale proposto. Si hiede inoltre se sia possibile rinunciare al campo sportivo all'aperto alla quota 0,semmai ricavandolo altrove. Grazie

Gli obiettivi e le esigenze dell'Amministrazione sono indicati nel documento di indirizzo alla progettazione (D.I.P.).

La palestra e il campo sportivo devono comunque essere realizzati all'interno del perimetro di intervento.

Buongiorno. Faccio un'osservazione: con la realizzazione del corpo da destinare a campo da gioco al chiuso e, in copertura, a campo di gioco all'aperto, si andrebbe ad interrompere il tracciato della strada a valle. Tale dato sarebbe da prendere in consierazione. hiedo dunque se il progetto deve trovare una soluzione alla criticità dello schema di progetto presentato ne DIP, o ripensando alla collocazione della palestra o lavorando sul sistema di viabilità. Grazie

In primis non è chiaro cosa si intenda per strada "a valle". Qualora si intendesse la strada che divide in due il lotto, si evidenzia che tale strada non serve nessun altro edificio, in quanto gli immobili residenziali esterni ed adiacenti al perimetro di intervento hanno accessi indipendenti, e pertanto sarebbe possibile un'interruzione della suddetta strada o addirittura una rimodulazione della stessa viabilità interna al lotto. Tali scelte progettuali rientrano nella più ampia discrezionalità del progettista partecipante.