Caricamento nuova documentazione

Si comunica che nella sezione Documenti è stata caricata in data odierna la Carta Tecnica Numerica

Chiave pubblica di crittazione

Si comunica che nella sezione "Documenti" è disponibile la chiave pubblica di crittazione per la documentazione amministrativa.

Si allega alla presente documentazione il relativo verbale.

Verbale seduta di generazione delle chiavi

Seduta pubblica di generazione delle chiavi

Si comunica che la seduta pubblica di generazione delle chiavi informatiche si terrà il 21 luglio alle ore 11.30 presso la Sala Consigliare (primo piano) del Comune di Carrara - Piazza II Giugno n. 1

Recupero Ex Ferrovia Marmifera

L’obiettivo dell’Amministrazione Comunale è la creazione di un asse polivalente dedicato alla mobilità sostenibile e ad asse verde attrezzato, attraverso il riuso e rifunzionalizzazione del tracciato sede dell'ex ferrovia marmifera, per il collegamento fra l’ex stazione di San Martino e la Stazione di Avenza, e lasciando libertà ai progettisti nella individuazione del tracciato di collegamento tra la stazione di Avenza e il mare, limitando le interferenze con la viabilità ordinaria.

La visione richiesta è quella di immaginare un progetto di territorio che tenga insieme, attraverso un sistema di mobilità lenta, paesaggio e infrastrutture, elementi estetici del paesaggio ed elementi funzionali, valorizzando la qualità dell’esperienza, così come viene percepita quando ci si muove lungo un percorso lento, rievocando la memoria del tracciato e l’identità del territorio, indissolubilmente legata alle cave e alla lavorazione del marmo. Per l’Amministrazione è primaria l’intenzione di valorizzare il “patrimonio culturale materiale e immateriale", operando mediante un complesso di azioni integrate che comprendono interventi di conservazione, fruizione e valorizzazione anche a fini turistici del bene, così da consentirne l’inserimento del tracciato nei circuiti nazionali e internazionali.

Dato il valore storico della tratta ferroviaria, si intende tutelare e promuovere la possibilità di un ripristino di tale funzionalità, per eventi e occasioni particolari anche ricorrenti, ma non di carattere continuativo, con lo scopo di conseguire una promozione culturale del territorio con la valorizzazione della memoria e dell’identità, una divulgazione dello sviluppo storico e socioeconomico, e l’offerta di una attività turistica alternativa.