Il modulo quesiti non è più disponibile: quesiti e risposte, se ritenuti di interesse comune, saranno pubblicati in questa pagina.

Risposte pubblicate

Ai fini della dimostrazione dei Requisiti di capacità tecnica e professionale, previsti al punto 3.3.2 del Disciplinare, si chiede che la comprova: - dell’espletamento di servizi per importo pari a 1 volta, - dell’avvenuto svolgimento di due servizi per importo pari a 0,4 volte, calcolati per ogni ID-Opera, il concorrente possa utilizzare categorie con grado di complessità superiore. Ad esempio, laddove sono richiesti servizi in E.08 ci si possa presentare servizi in E.22 e in luogo delle previste E17, E18 ci si possa presentare servizi in E19.

Si conferma, ai fini della dimostrazione dei Requisiti di capacità tecnica e professionale previsti al punto 3.3.2 del Disciplinare, che il concorrente possa utilizzare categorie con grado di complessità superiore.

la distanza dei nuovi edifici dal limite del perimetro del campus sembra essere fissata nello schema di progetto preliminare a 10 m. E' confermata su tutto il perimetro o si può scendere a 3 m come da codice civile?

La distanza minima dai confini deve essere di almeno 5 mt.

Si segnala un errore nel calcolo della superficie indicate nel DIP_Tabella programma funzionale. Viene indicata infatti la necessità di due palestre del tipo B2, di cui almeno una con tribune per il pubblico. Vengono indicate quindi le superfici minime di educazione fisica per la scuola primaria in 300 mq e quella secondaria 630 mq. Secondo Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 a cui necessariamente il progetto dovrà fare riferimento le superficie minime indicate sono per la sola palestra B2 600 mq e 600 più 150 (Tot. 750) per la palestra B2 con tribune per il pubblico e relativi servizi per un totale di 750. Si chiede di precisare quali siano le reali necessità.

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici)

Facendo la somma delle superfici NETTE MINIME richieste nella tabella programma funzionale si ottengono in totale 4394 mq. La superficie lorda indicata è di 4862,7 mq quindi pare sia stato aggiunto solo un 10% rispetto alla superficie netta. Considerando che questo calcolo incide sul prezzo al metro quadro dell'opera finale si chiede di specificare il metodo di calcolo della superficie lorda orientativa. Si precisa che anche utilizzando i metri quadri lordi indicati il costo proposto dalla stazione appaltante per la realizzazione del nuovo edificio è di 1462,89 al mq, escludendo le opere a verde (E17 e E18). Il calcolo è corretto? Si chiede di specificare inoltre se le opere di demolizione dell’edificio scolastico esistente siano incluse nell’importo lavori di 7.200.000 previsto.

Si conferma che il valore della superficie lorda, come riportato in tabella, è un valore orientativo parametrato con un aumento di circa il 10% della superficie minima prevista dal Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975, nonché il valore euro/mq ipotizzato per la realizzazione del nuovo edificio. Si conferma inoltre che nell’importo lavori previsto di euro 7.200.000 sono incluse le opere di demolizione dell’edificio scolastico esistente.

Si chiede di chiarire per quanti alunni contemporaneamente vanno dimensionate le due palestre e i relativi spogliatoi. Nella tabella delle funzioni e requisiti minimi viene indicato: n. 2 palestre di tipo B2, tuttavia il Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 indica per scuola primaria da 10 a 25 classi una palestra e servizi di tipo A1 330 mq. Nella tabella delle superfici di attività minima del concorso è indicata una palestra da 330 mq per la scuola primaria e quindi sembra confermare la tipologia A1 e per la scuola primaria secondaria di primo grado una palestra e servizi di 630 mq perciò la tipologia A2

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici)

Salve, nel disciplinare è riportato al punto 3.11 di pagina 12: "Il concorrente deve eseguire, ove dovuto, il versamento a favore dell’ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione dell’importo di € 80,00 quale contributo per la partecipazione al presente Concorso,...". In questo caso il contributo è dovuto? Grazie.

Si conferma che il concorrente deve eseguire il versamento a favore dell’ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione, ma dell’importo di € 70,00 quale contributo per la partecipazione al presente Concorso, secondo le istruzioni operative fornite dalla stessa Autorità sul proprio sito internet all’indirizzo: www.anticorruzione.it (servizi online - servizio riscossione contributi o contributi in sede di gara), allegando la ricevuta ai documenti di gara.

In merito al punto 3.2.2) gruppo di lavoro, la sua costituzione è obbligatoria anche per il singolo professionista che si qualifica alla seconda fase? Non può essere solo costituito in caso di qualifica come vincitore del concorso con la formula dell'avvalimento?

Il punto 3.2.2) del bando prescrive esplicitamente che i partecipanti al 2° grado del Concorso dovranno costituire un gruppo di lavoro, producendo, quale documentazione amministrativa per partecipare al secondo grado, una apposita dichiarazione sulla sua composizione, che dovrà comprendere le seguenti figure professionali

Una buona giornata. Un architetto ucraino può partecipare al concorso? La partecipazione al concorso è gratuita per i cittadini di altri paesi? Grazie per le risposte.

Si conferma la possibilità di un architetto ucraino di partecipare al concorso purché in possesso dei requisiti indicati al punto 3.2 del disciplinare di concorso: in particolare la partecipazione alla 1° fase del concorso è consentita agli operatori economici in forma singola o associata di cui all’art. 46, comma 1 del Codice, che non siano soggetti alle cause di esclusione di cui all’art. 80 dello stesso Codice e che siano in possesso dei seguenti requisiti di idoneità professionale:

 

  • (per professionisti) iscrizione, al momento della partecipazione alla gara, al relativo albo professionale previsto dai vigenti ordinamenti, ovvero abilitati all'esercizio della professione secondo le norme dei Paesi dell'Unione europea cui appartiene il soggetto;
  • (per Società di ingegneria e S.T.P.) iscrizione nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura.

 

Ogni concorrente deve eseguire il versamento a favore dell’ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione dell’importo di € 70,00 quale contributo per la partecipazione al presente Concorso, secondo le istruzioni operative fornite dalla stessa Autorità sul proprio sito internet all’indirizzo: www.anticorruzione.it (servizi online - servizio riscossione contributi o contributi in sede di gara), allegando la ricevuta ai documenti di gara.

Salve, la palestra deve essere adatta ad usi professionali o possiamo attenerci alle dimensioni indicate sul decreto ministeriale del 18/12/1975 che indica per scuole elementari e medie fino a 25 classi una palestra di tipo A1 ?

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

Buongiorno, si rileva che il format del file editabile della tavola predisposta è un A1 orientato in senso Orizzontale mentre nel Disciplinare di Concorso è previsto che la tavola da consegnare per il 1° grado sia orientata in senso Verticale. Si chiede di indicare quale sia l'orientamento richiesto. Grazie

La tavola A1 dovrà avere un orientamento Orizzontale come da format editabile messa a disposizione.

Buongiorno, con riferimento al 'Calcolo stimato per la realizzazione dell'Opera' si chiede alla Stazione Appaltante di specificare: 1- quale prezziario di riferimento sia stato utilizzato per il suddetto Calcolo; 2- a che data risalgono i prezzi del suddetto calcolo. Grazie

Il costo dell'opera è determinato con metodo sintetico, applicando costi parametrici desunti da interventi similari per caratteristiche tipologiche, tecnologiche, strutturali e distributive (realizzazione nuovo edificio pubblico Classe energetica NZEB – progetto esecutivo approvato con deliberazione n. 57 in data 13 maggio 2021) aumentato nella misura del 20% (5% classe energetica – 10% Aumento dei costi delle materie prime)

Al punto 4.1 del bando si specifica che gli elaborati grafici dovranno essere contenuti in una tavola orientata in senso verticale. il “layout tavole di concorso 1 grado (dwg)" sembra essere orientato orizzontalmente. Quindi di quale orietamento bisogna tenere conto. Verticale o Orizzontale ? In caso sia verticale si richiede di caricare il file .dwg orientato correttamente

La tavola A1 dovrà avere un orientamento Orizzontale come da format editabile messa a disposizione

A pagine 52 del documento di indirizzo alla progettazione è riportala la frase: “Nel rispetto degli indici e disposizioni sopra riportati il progetto si dovrà ispirare al sotto riportato impianto planimetrico ed agli allegati schemi grafici secondo la seguente configurazione” i cui schemi sono contenuti anche nell’elaborato 2.8_Planimetria_assetto_preliminare. Si chiede cosa si intenda per “si dovrà ispirare” in termini progettuali: mantenere lo schema distributivo, mantenere i percorsi e flussi indicati, mantenere l’impianto planimetrico? Quanto le valutazioni espresse nella proposta progettuale potranno distaccarsi dall’impianto planimetrico proposto sempre nel rispetto di tutte le normative di riferimento?

Gli schemi grafici messi a disposizione hanno carattere orientativo, pertanto il layout dell’edificio è a scelta del progettista.

Tra i vari elaborati grafici e documenti descrittivi forniti a base del concorso sono presenti differenze tra il perimetro di intervento (linea continua rossa), in particolare in corrispondenza del tratto lungo via Kennedy e piazza del Bersagliere. Si chiede quindi quale elaborato grafico definisce inequivocabilmente il perimetro d’intervento.

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

In relazione agli obiettivi socio urbanistici espressi a pagina 39 del documento di indirizzo alla progettazione quale grado di progettazione è necessario raggiungere per gli spazi esterni al perimetro di intervento dedicati agli ambiti di sosta e connessione con le altre funzioni urbane presenti nell’intorno del complesso scolastico?

La progettazione deve dimostrare il rapporto con il contesto urbano attraverso una schematizzazione grafica dell’area circostante.

Il bando (pagina 13, paragrafo “4.1) Elaborati progettuali richiesti per il 1° grado”) richiede come elaborato grafico una tavola in formato UNI A1 su file PDF orientata in senso verticale con codice alfanumerico posizionato in alto a destra. Tuttavia il layout fac-simile fornito è orientato in senso orizzontale ed ha il codice alfanumerico posizionato in alto a sinistra. Poiché si specifica di non modificare posizione e caratteri rispetto al fac-simile, si chiede di chiarire quale sia il layout corretto.

La tavola A1 dovrà avere un orientamento Orizzontale come da format editabile messo a disposizione

Salve, è possibile realizzare nel seminterrato le palestre?

Nel rispetto della normativa vigente il layout dell’edificio è a scelta del progettista.

Salve, vorrei un chiarimento, le palestre devono essere unite o devono essere indipendenti l'una dall'altra? Ovvero, serve una palestra per la scuola primaria e una per la scuola secondaria di primo grado? C'è una differenza di informazioni nell'allegato 2.12_tabella_programma_funzionale, a pagina 2 si chiedono 2 palestre di tipo B2 quindi di 600 m2 ciascuna, mentre a pagina 3 per la scuola primaria si chiedono 330 mq e per la scuola secondaria di primo grado 630 mq. Quale dato è giusto? Grazie

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici)

L’unione o l’indipendenza delle palestre è a scelta del progettista.

Buongiorno la partecipazione alla 1° fase del concorso necessita di quale requisito? ovvero è sufficiente l'iscrizione all'ordine di appartenenza come descritto al punto 3.2 del bando? Grazie

Come indicato al punto 3.2 del disciplinare di concorso la partecipazione alla 1° fase del concorso è consentita agli operatori economici in forma singola o associata di cui all’art. 46, comma 1 del Codice, che non siano soggetti alle cause di esclusione di cui all’art. 80 dello stesso Codice e che siano in possesso dei seguenti requisiti di idoneità professionale:

  • (per professionisti) iscrizione, al momento della partecipazione alla gara, al relativo albo professionale previsto dai vigenti ordinamenti, ovvero abilitati all'esercizio della professione secondo le norme dei Paesi dell'Unione europea cui appartiene il soggetto;
  •  (per Società di ingegneria e S.T.P.) iscrizione nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura.

In riferimento agli elaborati progettuali richiesti per il 1° grado, al paragrafo 4.1 - 2.ELABORATI GRAFICI del Disciplinare di Concorso di Progettazione, viene scritto "Il partecipante dovrà inserire il numero della tavola e il Codice alfanumerico prescelto per il 1° grado, da porre in alto a destra di ciascuna tavola, senza modificare posizione e caratteri rispetto ai fac-simile", ma in Documentazione Amministrativa il "layout tavole di concorso 1 grado (dwg)" presenta discrepanze nell' orientamento della tavola e nel posizionamento del codice alfanumerico e numero della tavola. Si ricihede chiarimento. Grazie

La tavola A1 dovrà avere un orientamento Orizzontale come da format editabile messo a disposizione.

Con riferimento al documento 2.12_Tabella_programma_funzionale, fornito tra i documenti posti a base di gara: le funzioni e i requisiti minimi indicano la necessità di due palestre di tipo B2 ( secondo gli standard CONI), specificando che una delle due palestre dovrà essere necessariamente dotata di tribuna per il pubblico. Considerando che dalla normativa vigente in materia di edilizia scolastica (D.M. 21/3/1970. - D.M. 26/3/71. - D.M. 18/12/75. - Legge 412/75. - D.P.R. 1688/56. -Circ. Min. Lavori Pubblici n. 4809 del 19/06/68 ) si deduce che : le palestre di tipo B1 sono palestre regolamentari da 600 m2 ,più i relativi servizi, aperte anche alla comunità extra scolastica; le palestre di tipo B2 sono palestre di tipo B1 con un incremento di 150 m2 per spazio per il pubblico e relativi servizi; Chiediamo di seguito conferma che siano sufficienti una palestra di tipo B2 per la scuola secondaria (dotata di tribuna) ed una palestra di tipo B1 per la scuola primaria (se non addirittura una palestra di tipo A1 comunemente destinata a soddisfare le esigenze di scuole elementari da 10 a 25 classi ), piuttosto che due palestre di tipo B2. Ringraziamo in anticipo per la disponibilità.

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici)

Con riferimento al documento 2.1_Documento di indirizzo alla progettazione, sono state evidenziate (al punto 5. accessibilità) tre ampie aree di parcheggio nelle immediate vicinanze dell'area di progetto. Si chiede di seguito se le aree di parcheggio in questione possano essere tenute in considerazione al fine di soddisfare la dotazione di parcheggi di pertinenza del campus scolastico di almeno 68 posti (secondo quanto indicato a pag. 18 del documento di indirizzo alla progettazione), o se invece si debba soddisfare l'esigenza esclusivamente tramite la realizzazione di un parcheggio interrato o a raso all'interno della stessa area di progetto. Grazie

Si le tre aree di parcheggio poste nelle immediate vicinanze dell'area di progetto ed individuate nel Documento di indirizzo alla progettazione possono essere tenute in considerazione al fine di soddisfare la dotazione di parcheggi di pertinenza del campus scolastico.

Il documento di indirizzo alla progettazione, messo a disposizione dalla stazione appaltante, menziona la presenza di una fermata delle linee del trasporto pubblico locale nel raggio di circa 150 metri dall'area di progetto. Sarebbe possibile sapere dove si trova la fermata?Si ringrazia anticipatamente.

La fermata del trasporto pubblico locale si trova ad ovest dell’area oggetto di intervento e precisamente all’incrocio tra Piazza San Vittore e via Locatelli.

Con riferimento al soddisfacimento dei requisiti di capacità tecnica e professionale di cui all'art.83, comma 1, lettera c), del D.Lgs 50/2016, secondo quanto indicato al punto 3.3.2) del Bando di concorso : si possono ritenere idonee per soddisfare il requisito relativo alla categoria edilizia ID E.08 anche le attività svolte appartenenti alla categoria edilizia ID E.10 ? Grazie

Si conferma, ai fini della dimostrazione dei Requisiti di capacità tecnica e professionale previsti al punto 3.3.2 del Disciplinare, che il concorrente possa utilizzare categorie con grado di complessità superiore.

I parcheggi vanno computati e inseriti nel progetto ....non è molto chiaro....

Le tre aree di parcheggio poste nelle immediate vicinanze dell'area di progetto ed individuate nel Documento di indirizzo alla progettazione possono essere tenute in considerazione al fine di soddisfare la dotazione di parcheggi di pertinenza del campus scolastico.

Salve, avremmo necessità di un chiarimento in merito alla progettazione preliminare: è obbligatorio che l'edificio debba attenersi all'impianto planimetrico e gli schemi grafici riportati nelle pag. 52-53-54 del D.I.P.?

Gli schemi grafici messi a disposizione hanno carattere orientativo, pertanto il layout dell’edificio è a scelta del progettista.

Al punto 3.3.2), Requisiti di Capacità tecnica e professionale, del bando di concorso , viene dichiarato : " Ai fini della qualificazione nell'ambito della stessa categoria E.08, S.03 le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando il grado di complessità sia almeno pari a quello dei servizi da affidare ". Tale criterio è da ritenersi valido anche per le categorie E.17, E.18, E.20, IA.01, IA.02, IA.03, o solo ed esclusivamente per le categorie E.08 ed S.03 ? Il requisito di capacità tecnica e professionale per la categoria E.20 potrebbe, ad esempio, essere soddisfatto da attività svolte per opere appartenenti alla categoria E.22 (il cui grado di complessità è maggiore rispetto alla categoria E.20) ? Si ringrazia

Si conferma, ai fini della dimostrazione dei Requisiti di capacità tecnica e professionale previsti al punto 3.3.2 del Disciplinare, che il concorrente possa utilizzare categorie con grado di complessità superiore.

Dal bando di concorso posto a base di gara risulta da alcune rappresentazioni dell'area di progetto che nell'area confinante a nord est con l'area di intervento si preveda la realizzazione di campi da tennis, basket e pallavolo all'aperto. Si chiede, di conseguenza, se si tratti di un ipotesi di progetto non ancora approvata o se verranno effettivamente realizzati e se saranno di natura privata o pubblica. Grazie

La realizzazione di campi da tennis, basket e pallavolo all'aperto riportata è rappresentativa di una pianificazione di sviluppo del centro urbano, ma ad oggi non ancora oggetto di progettazione e/o realizzazione.

Qual è la destinazione dell’area circondata da perimetro giallo nell’inserimento planimetrico a pag. 52 del Documento di indirizzo alla progettazione? E’ inclusa all’area di progetto oppure no?

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimentria_Rilievo.

Il lotto perimetrato in giallo non è oggetto del concorso e sarà interessato dalla realizzazione di un nuovo asilo nido.

- L’area del centro sportivo comunale, il grande campo da calcio con pista da atletica e il secondo campetto adiacente al perimetro di progetto fanno parte di un perimetro dii riflessione? I campi sportivi disegnati nell’inserimento planimetrico a pag. 52 del Documento di indirizzo alla progettazione devono essere presi come vincolo progettuale o nella proposta si può suggerire una diversa organizzazione dello spazio? I campi esterni regolamentari per basket/pallavolo richiesti nel bando, devono essere contenuti nell’area contenuta nel perimetro rosso o possono essere previsti nell’area dell’attuale campetto?

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimentria_Rilievo.

La realizzazione di campi da tennis, basket e pallavolo all'aperto riportata è rappresentativa di una pianificazione di sviluppo del centro urbano, ma ad oggi non ancora oggetto di progettazione e/o realizzazione.

La dotazione di parcheggi prevista dal Piano dei Servizi del PGT può considerarsi soddisfatta dai parcheggi presenti nelle adiacenze dell’area di progetto e identificati pag. 24 del Documento di indirizzo alla progettazione ? Con riferimento al documento 2.12_Tabella_programma_funzionale in cui si descrive la scuola car-free, è possibile dedurre che non sono da prevedere posti auto (fatta eccezione per posti auto disabili) all’interno dell’area di progetto?

Si, le tre aree di parcheggio poste nelle immediate vicinanze dell'area di progetto ed individuate nel Documento di indirizzo alla progettazione possono essere tenute in considerazione al fine di soddisfare la dotazione di parcheggi di pertinenza del campus scolastico.

Si conferma che non sono da prevedere posti auto, fatta eccezione per posti auto disabili.

Potreste fornire informazioni sui percorsi ciclabili esistenti o in progetto che attraversino o arrivino al sito di progetto ?

Le arterie viarie limitrofe all’area di intervento denominate via Kennedy e Papa Giovanni sono provviste di corsia ciclabile “c.d. bike lane” che si sviluppano sul territorio comunale sia di direzione Nord/Sud che Est/Ovest.

La piazza del Bersagliere e suo monumento non sono incluse nel perimetro di progetto. Nell’inserimento planimetrico a pag. 52 del Documento di indirizzo alla progettazione, la conformazione della piazza appare diversa dall’esistente e il parcheggio eliminato. Queste modifiche sono confermate e vincolanti oppure è possibile fare proposte alternative?

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

Il progettista è libero di proporre modifiche alla viabilità/aree esterne a condizione che le stesse non risultino vincolanti per la realizzazione dell’intervento oggetto del concorso.

Riguardo allo spostamento temporaneo della popolazione scolastica della scuola Finazzi per consentire la demolizione e ricostruzione (pag 30 del Documento di indirizzo alla progettazione), sono già state individuate strutture esistenti che potrebbero temporaneamente accogliere gli alunni oppure occorre prevedere lo spostamento temporaneo all’interno del lotto di progetto?

Come previsto al Documento di indirizzo alla progettazione - concezione dell'opera: il progetto architettonico Input progettuali - al fine di contenere quanto più possibile il forte disagio e impatto sulla popolazione scolastica, dovuto allo spostamento temporaneo per consentire la demolizione e ricostruzione del plesso, si richiede che il progetto preveda e dimostri la fattibilità dell’intervento in due o più lotti funzionali distinti, la cui realizzazione sia organizzata in fasi temporali consecutive.

La suddivisione in lotti funzionali dovrà perseguire i seguenti obiettivi:

  • riduzione del numero e della durata degli spostamenti della popolazione scolastica in sedi provvisorie;
  • esecuzione non simultanea dei cantieri di costruzione della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado;
  • assenza delle interferenze tra lotti funzionali completati (che accoglieranno nuovamente la popolazione scolastica) e il cantiere dei lotti successivi.

Perimetro lotto oggetto dell’intervento. Nella planimetria di rilievo il perimetro è diverso dal perimetro dello studio preliminare. A quale perimetro rifarsi per la proposta di progettazione? Si ritiene che esistono differenze sostanziali che compromettono la posizione dei volumi richiesti e parcheggio nella progettazione generale.

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

Sullo schema funzionale dei requisiti minimi si legge che la superficie intera dei mappali oggetto dell’intervento è pari a 11.350mq. Nel file “Planimetria_Rilievo” la delimitazione in rosso ha una superficie paria a 11.088mq Nel file “2.8_Planimetria_assetto_preliminare” la superficie dell’area oggetto dell’intervento è pari a 10.611mq Vista le differenze riscontrate sono a chiedere quale è la superficie effettiva da prendere in considerazione.

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

Sul “documento di indirizzo alla progettazione” si indica : - Pag 14 –“L'area di progetto è perfettamente connessa con la viabilità e circondata da un ampie aree di parcheggio…” - Pag. 18 ¬– “- Dotazione di parcheggi: come da PDS, le quantità di parcheggi di pertinenza sono così determinate: relativamente alla scuola elementare:  per gli insegnanti ed il personale 2 posteggi per classe relativamente alla scuola media dell’obbligo  per gli insegnanti ed il personale 4 posteggi per classe  per gli alunni 6 posteggi per motorette, per classe; per visitatori 1 posteggio ogni 5 posteggi di dotazione (o frazione)” Così calcolato il parcheggio consta di n. 64 posti auto, 60 stalli per biciclette e 54 posti per motorette per un totale di n 178 posti. - Pag. 23 si indica che “I posti auto necessari ad uso esclusivo del campus saranno definiti in funzione della superficie lorda dell’edificio, comprendendo oltre allo spazio di sosta anche quello di manovra.” Alla fine della stessa pagina in modo distaccato si evidenzia che a ridosso del lotto sono presenti tre ampie aree di parcheggio. Definizione che si ritiene forviante; si richiedono altri parcheggi o sono sufficienti le aree a parcheggio esistenti? - Nella tabella delle funzioni e requisiti minimi si chiedono un numero di parcheggi pari a 1/5 dei dipendenti e degli alunni. Il numero degli alunni, docenti e personale ausiliario calcolato e vincolante è pari a n. 680 persone. Così calcolato il parcheggio si comporrà di 136 posti. Quale dimensionamento è necessario utilizzare per gli stalli di parcheggio?

Le tre aree di parcheggio poste nelle immediate vicinanze dell'area di progetto ed individuate nel Documento di indirizzo alla progettazione possono essere tenute in considerazione al fine di soddisfare la dotazione di parcheggi di pertinenza del campus scolastico.

Palestra La palestra tipo B2 - ai sensi del DM 18/75 prevede un minimo di 750mq incluso servizi e deposito. Il preliminare prevede 650mq per le secondarie e 350mq per le primarie La palestra CONI con campo regolamentare per attività non agonistiche con gradinate, spogliatoi ha una superficie minima di circa 33x34=1122mq Quali le richieste del bando?

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici).

1. Quali sono le distanze dai confini e dai limiti di zona? 2. Nel rilievo = piano quotato (vedi file Planimetria_Rilievo.dwg) il margine nord ovest del lotto è lineare, come anche negli estratti della documentazione urbanistica, mentre nel progetto preliminare (in particolare negli schemi) il margine nord ovest è segmentato: qual è quello buono? Si richiede il profilo definitivo aggiornato 3. In particolare si chiede se il disegno a terra da tenere in considerazione per la porzione di via Kennedy prospiciente il nuovo Campus sia effettivamente quello riportato a pag. 25 del DIP 4. In alcuni estratti cartografici lo spigolo sud est del lotto è diverso da quello riportato nel progetto preliminare (in particolare negli schemi): si vuole sapere qual è il limite effettivo di progetto ed eventualmente l’uso del piccolo lotto rettangolare in oggetto identificato in alcuni estratti con un perimetro giallo (la stessa foto aerea evidenzia lavori in corso di esecuzione) 5. I volumi in interrato, come rappresentati negli schemi grafici del progetto preliminare, devono intendersi compresi nelle superfici di cui al programma funzionale (e cioè compresi nei 4862,7 mq) oppure devono intendersi in aggiunta a quelle superfici?

La distanza minima dai confini deve essere di almeno 5 mt.

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

Il lotto perimetrato in giallo non è oggetto del concorso e sarà interessato dalla realizzazione di un nuovo asilo nido.

I volumi in interrato devono intendersi nelle superfici di cui al programma funzionale, anche se si evidenzia che tale valore risulta orientativo.

Sarebbe possibile confermare che l’area del perimetro di progetto de prendere in considerazione è quella contenuta nel file DWG Planimentria_Rilievo? Il contorno rosso sembra variare tra i vari documenti soprattutto riguardo all’allineamento sul fronte della Via J F Kennedy.

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

Buongiorno, considerando che: - a pagina 23 del Documento di Indirizzo alla Progettazione, parlando di tema 'Accessibilità', vengono identificate tre aree parcheggio esistenti: lungo via Papa Giovanni XXIII a Ovest della Scuola Materna e a Sud del campo da Calcio a 11, e lungo via J.F. Kennedy a Nord del Palazzetto dello Sport; - a pagina 29 del Documento di Indirizzo alla Progettazione, parlando di 'Input Progettuali', viene segnalato che '…un ampio tratto di via J.F. Kennedy verrà reso pedonale…', di cui non vengono fornite ulteriori specifiche; - a pagina 24 del Documento di Indirizzo alla Progettazione, lo schema riporta un disegno delle aree esterne all'area di concorso in corrispondenza di via J.F. Kennedy evidentemente diverso dallo stato di fatto; si chiede alla Stazione Appaltante di specificare: 1- se è previsto il mantenimento dell'attuale parcheggio in prossimità dell'accesso della Scuola Secondaria Canonico Finazzi, in via J.F. Kennedy; 2- quale porzione di via J.F. Kennedy è previsto che venga resa pedonale; 3- se le aree nelle immediate vicinanze all'area di concorso possano diventare oggetto di linee guida. Grazie

Le tre aree di parcheggio poste nelle immediate vicinanze dell'area di progetto ed individuate nel Documento di indirizzo alla progettazione possono essere tenute in considerazione al fine di soddisfare la dotazione di parcheggi di pertinenza del campus scolastico.

Premesso che l’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo il progettista è libero di proporre modifiche alla viabilità di via Kennedy/aree esterne a condizione che le stesse non risultino vincolanti per la realizzazione dell’intervento oggetto del concorso.

In relazione allo schema della viabilità pedonale (pag. 24, DIP), si chiede se possono essere previste, attraverso il progetto degli spazi aperti, ulteriori nuove aree pedonali che coinvolgano parzialmente Via J .F. Kennedy. In particolare, si chiede di chiarire se possano essere previste modifiche alla viabilità di questa strada.

Premesso che l’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo il progettista è libero di proporre modifiche alla viabilità di via Kennedy a condizione che le stesse non risultino vincolanti per la realizzazione dell’intervento oggetto del concorso.

Buongiorno, con riferimento agli allegati dwg 'Planimetria Rilievo' e '2.7 Planimetria Aereofotogrammetrico' forniti a base gara, si chiede alla Stazione Appaltante: 1- di specificare quale sia la corretta perimetrazione dell'area di concorso; 2- di fornire gli allegati mancanti all'interno dei sopracitati elaborati: 'Mappa_1'; '1111'; 'Pubblicazione1'. Grazie

L’area oggetto del concorso risulta essere quella perimetrata in rosso nel file DWG Planimetria_Rilievo.

Gli allegati disponibili sono quelli pubblicati.

Buongiorno, si chiede alla Stazione Appaltante di specificare se il costo dell'opera sarà quantificato in base ai parametri unitari aggiornati alla data di presentazione del progetto esecutivo e di specificare quale sarà il prezziario di riferimento. Grazie

Nel rispetto del budget previsto dal Documento di indirizzo alla progettazione, il computo metrico delle lavorazioni deve essere determinato sulla base del prezzario regionale Lombardia vigente al momento della stesura del progetto.

Buongiorno, con riferimento all'allegato '2.1 Tabella programma funzionale', non risulta chiaro il motivo della richiesta di realizzare due palestre tipo B2. Fermo restando la previsione di una palestra B2 con tribuna, si chiede alla Stazione Appaltante di confermare la possibilità di realizzare la seconda palestra con tipologia A1, così come previsto nel D.M. 18 dicembre 1975 per le scuole secondarie di primo grado con 9 classi, dove viene richiesta una palestra A2 (ovvero 2 palestre A1) e per le scuole primarie una palestra A1. Grazie

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici).

Nel‘ Documento di indirizzo alla progettazione’ (pag.52, paragrafo ‘Progetto preliminare’) sono pubblicati 4 schemi grafici: - schema inserimento planimetrico - schema funzionale preliminare - schema distributivo piano terra - schema distributivo primo piano. Gli schemi sono accompagnati dalla seguente didascalia: “ Nel rispetto degli indirizzi, degli obiettivi e delle disposizioni sopra riportati, il progetto si deve ispirare agli schemi sotto pubblicati”. Domanda: Cosa significa “ispirarsi”, ovvero: quale è il grado di ‘vincolo’ dei suddetti schemi nell’elaborazione di una proposta che persegue gli obiettivi, gli indirizzi, le disposizioni indicate dal bando in modi progettuali diversi?

Gli schemi grafici messi a disposizione hanno carattere orientativo, pertanto il layout dell’edificio è a scelta del progettista.

Si chiede di meglio specificare la richiesta contenuta nel DPP nel capitolo CONCEZIONE DELL'OPERA: IL PROGETTO ARCHITETTONICO paragrafo Funzioni e requisiti progettuali: "Il nuovo complesso dovrà essere caratterizzato inoltre, in termini materici, da una pelle contemporanea luminosa e osmotica, che porti al suo interno la luce senza creare fastidiosi riflessi." Cosa si intende per pelle contemporanea luminosa e osmotica? L'utilizzo di questo "rivestimento" è un requisito cogente del nuovo edificio? Grazie

Le indicazioni materiche riportate hanno carattere orientativo, pertanto la tipologia dei materiali dell’edificio è a scelta del progettista.

All'interno del testo del Bando vengono stanziati 3 milioni e 924 mila euro per la realizzazione di "asilo nido, scuola materna, scuola elementare e scuola secondaria di primo grado (fino a 24 classi)" mentre all'interno del Documento di indirizzo alla progettazione si parla esclusivamente di scuola primaria (10 classi) e scuola secondaria di primo grado (9 classi). Inoltre all'interno del Bando si parla di un asilo nido già in corso di realizzazione. Si richiede quindi un chiarimento inerente a quali scuole siano effettivamente da progettare e, nel caso fossero da realizzare anche l'asilo e l'asilo nido, quante aule/sezioni siano da destinare a questi.

Il Campus scolastico dovrà contenere la scuola primaria (da 10 classi) e la scuola secondaria di primo grado (da 9 classi) come previsto dalla Tabella “Programma funzionale”.

Nel documento 2.12_Tabella_Programma_Funzionale sono richieste 2 palestre di tipo B2 di cui una con tribuna per il pubblico. Fermo restando che una palestra dovrà avere queste caratteristiche (B2, CONI con tribuna) potreste confermare quale sia la tipologia richiesta per la seconda palestra ? B1 (palestra regolamentare 600mq aperta anche alla comunità extrascolastica) ? Oppure si può intendere che la palestra per la scuola primaria sia di tipo A1 (200 mq) come da DM 18-12-1975 ?

Il Campus scolastico deve prevedere n. 2 palestre dimensionate nel rispetto del Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975 come segue:

  • n. 1 palestra a servizio della scuola primaria (da 10 a 25 classi) tipo A1 – (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 330 mq)
  • n. 1 palestra a servizio della scuola secondaria di primo grado (n. classi 9) tipo B2 - (Superficie netta minima educazione fisica - Palestra, servizi palestra, ecc - 630 mq con incremento di 150 mq di spazio per il pubblico e relativi servizi igienici)

1. L'impianto planimetrico proposto può essere ridiscusso? 2. Gli edifici devono necessariamente essere collegati al primo piano? 3.

Gli schemi grafici messi a disposizione hanno carattere orientativo, pertanto il layout dell’edificio è a scelta del progettista.